lunedì 28 novembre 2016



Voglio vivere prima di morire - Jenny Downham


Tessa ha sedici anni ed è condannata dalla leucemia. Sapendo di avere a disposizione solo qualche mese di vita e con tutta la rabbia del caso, decide di stilare una lista di cose da fare prima di morire, che la facciano sentire viva e le diano l'impressione di avere avuto una vita completa. In questa lista, la cosa n. 1 è fare sesso. Poi c'è provare qualche droga; passare un giorno a fare shopping senza limiti, comprandosi tutto quello che vuole; viaggiare; rivedere i suoi genitori (separati) di nuovo insieme. A condividere con lei questi mesi e questi desideri, c'è Zoey, una sua amica un po' "sbandata", che vuole sempre trasgredire e superare i limiti e che Tessa adora perché è l'unica che non la tratta da malata, ma anzi, cerca di farla "sballare" con lei. Inizia così la corsa di Tessa contro il tempo, fra sesso, discoteche, droghe, piccoli furti. Fino al fatale incontro con Adam e con l'amore che strapperà Tessa da ogni paura.



Un libro su cui ho ben poco da dire purtroppo.
Essendo scritto in prima persona ti fa sentire bene l disagio che una persona con una malattia terminale potrebbe provare così come la voglia di lasciarsi andare alternata a quella di vivere.
Più volte il mio pensiero è andato a quelle persone che conoscevo chiedendomi se anche loro si siano sentite così ed abbiano fatto qualcosa come la nostra protagonista.
Una cosa però di questo libro mi ha infastidita e mi ha fatto dare due stelle; la premessa di voler fare più cose possibili prima di morire era buonissima ed era il motivo principale per cui ho scelto di leggere questo libro ma non mi è piaciuto poi come tutto sia scaduto banalmente sul sesso.
Posso capire che in una situazione del genere possa magari farti sentire viva ed apprezzata e ti dia magari speranza, ma qui ogni scusa era buona per tirarlo fuori e descrivere dettagliatamente ogni singola scena con l'unico risultato di infastidirmi.
Peccato.


Voi lo avete letto?

Ecco le altre recensioni pubblicate:



Nessun commento:

Posta un commento